Verso il papato collegiale




La presenza di due Papi è un hapax di chiara matrice conciliare, basato sulla sostituzione della responsabilità personale del munus petrino nel solo Pontefice con la responsabilità assembleare del cosiddetto collegio episcopale

Nella Chiesa Cattolica, il Papa è unico e solo detentore per diritto divino della suprema potestà, che esercita avvalendosi dei Dicasteri della Curia Romana. E i Vescovi sono, sub Petro, sovrani di diritto divino nella propria Diocesi. 

Nella vulgata conciliare, il detentore della suprema potestà è il Papa assieme al Collegio episcopale, con una chiara valenza democratizzante; il Papa finisce per essere semplicemente il portavoce delle deliberazioni assembleari dei Vescovi. Gli stessi Vescovi, nella propria Diocesi, vedono sminuito drasticamente il proprio potere dalle Conferenze Episcopali, che legiferano anche contro la stessa volontà del Papa. 

Va da sé che, in questa nuova visione della Chiesa, il Primato - non risiedendo più nella sola persona del Pontefice Romano - può ed anzi deve essere esercitato da un organo collegiale, quale potrebbe essere in futuro il Sacro Collegio, oppure una forma inizialmente diarchica (un Papa regnante ed uno emerito, ad esempio) e poi oligarchica (più Papi con specifiche mansioni: uno che si occupa della Pastorale, uno delle Canonizzazioni, uno dei Viaggi Apostolici, uno dell'amministrazione ecc.). 

Si comprende che, nella sostanza, l'intenzione è quella di rimuovere la figura del Pontefice depotenziandola, visto che di fatto si affiderebbero ai Papi le mansioni dei Prefetti di Dicastero. 

Laddove questa sciagurata eventualità dovesse realizzarsi, non vi è dubbio che si verrebbe a creare una controchiesa che nulla ha a che vedere con la Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana, e che questo sinedrio infeudato in Roma non avrebbe titolo per dirsi la prosecutore della divina missione affidata da Cristo alla Sua Chiesa.

Lascia sconcertati la naturalezza - oseremmo dire la non chalance con cui il Pontefice oggi dimissionario si sia prestato all'introduzione di una innovazione foriera di tanti e tali sventure per la Cristianità. Si tratta di un gesto che, dopo quello non meno eclatante dell'abdicazione al Soglio di Pietro, imprime uno slancio inaudito alla corsa del più sconsiderato progressismo che la Chiesa sta vivendo dal Concilio in poi. 

Quanti si ostinano a voler vedere in quella infelice assise un segno dei tempi, potranno ora vedere la portata profetica degli errori conciliari, che non hanno fatto altro che applicare alla Chiesa quel che la Rivoluzione Francese aveva fatto nel governo della cosa pubblica: le Monarchie cattoliche di diritto divino abbattute e sostituite con governi parlamentari sedicenti democratici, in cui l'autorità del padre - figura della Divina Paternità che Dio esercita sull'umanità intera - doveva essere cancellata o turpemente parodiata. 

A quale "bianco padre" si potrà guardare d'ora innanzi, quando a breve ve ne saranno due? E se i figli della Chiesa avranno due padri, avrà forse essa due sposi? Ancora: se il prossimo Papa dovesse abdicare anch'egli, si avranno due Papi emeriti e un terzo regnante? 

Occorre sollevarsi dinanzi a queste deviazioni che sfigurano la Sposa del Nostro Signore e Salvatore. Bisogna rivolgersi ai Cardinali e ai Vescovi che ancora non si sono lasciati traviare dagli errori conciliari e chiedere loro che esprimano una condanna ferma e decisa verso la deriva modernista del Papato e della Chiesa. 

Rimanere inerti in questo momento significa rendersi complici dei nemici di Cristo.

Commenti

  1. E' inutile, penso, continuare a ricordare la straordinarietà dell'evento (ovviamente nella sua accezione negativa). Tutte le ragioni infatti non fanno che confermarlo. Quello che noi possiamo fare è "credere" davvero che questo sia il male minore per la Chiesa, evidentemente perchè non abbiamo TUTTI i tasselli per valutare quanto grave e complessa sia la reale situazione (che comunque non sfugge a nessuno). Se dubitiamo di BXVI, di chi altri, sulla terra e solo sulla terra, ci possiamo fidare?
    Non ci rimane che affidarci intensamente nella preghiera a Colui che davvero la regge, e non ai nostri vani (e spesso meschini) tentativi umani, che piu' assomigliano alla politica che alla fede.
    Che la Madonna ci guidi, tutti insieme, verso Suo Figlio!
    LM

    RispondiElimina
  2. Concordo con Cesare Baronio. Purtroppo concordo.
    Mazzarino da ALMA PREX

    RispondiElimina
  3. "Bisogna rivolgersi ai Cardinali ed ai Vescovi che ancora non si sono lasciati traviare dagli errori conciliari..." Ma perché, ci sono? E se sì, perché non hanno fiatato, fino ad ora? Pusillanimi anche loro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedo che fine abbia fatto il Gherardini.....tanto acclamato e portato da esempio da certi personaggi che si ergono da maestrine/i, "postconciliari".....

      La viltà e l'opportunismo, non conosce limiti alcuno....quante mascherine son cadute in questi giorni.....è proprio vero, da un male Dio può ricavarne un bene e mai come in questo caso, si son visti chi siano i veri opportunisti e chi i veri appartenenti alla FALSA CHIESA.

      Inoltre voglio esplicitare tutto il mio sdegno agli stolti cechi, che anche dopo aver saputo che Ratzinger ha mantenuto il nome di quando era papa, continuino a chiamarlo ugualmente e candidamente papa Benedetto...persone false e pericolose.

      Mi è capitato di leggere alcuni interventi di certe donnine...pro Ratzinger...da far rabbrividire anche il più cretino degli atei.....è a causa loro se la Chiesa e i fedeli han perduto credibilità, davanti al mondo.

      Sarà a causa del pensionato vestito di bianco, che l'Italia avrù da soffrire più di tutte le altre nazioni del mondo.

      Che preghi per se stesso ora che è andato in pensione.....ne ha davvero bisogno, considerando ciò che ha fatto all'ISTITUZIONE DIVINA PER ECCELLENZA, il PAPATO!!!

      Con il suo gesto ha praticamente negato il Dogma del Primato di Pietro, con le logiche e distruttive conseguenze. Ho sentito un poveretto che auspica un'approfondimnto sulla teologia del papato .....perchè nessuno finora si era posto il problema....Quindi dopo che DIO ha dato ORDINE CON IL DOGMA SULL'INFALLIBILITA' PAPALE, per questa FALSA CHIESA vi è bisogno di un ulteriore "approfondimento teologico"....



      Elimina
    2. Concordo al 100 X 100 con Delfino!!

      A proposito di mascherine, si basti osservare chi ha " RINGRAZIATO", Ratzinger e chi si ostina a chiamarlo ancora Papa, ora "papa emerito".

      Una cosa vergognosa, che dimostra come moltissimi battezzati, abbiano perduto l'effusione sacramnentale del Battesimo e della Cresima.

      Credo che gli effetti visibili e spirituali delle nuove formule introdotte dal perfido cv2, (Consacrazione, preparazione dei Sacri Crismi), siano non valide e di conseguenza, chi le ha ricevute sta agendo come vediamo, ottusità ed ignoranza comunque causata dalla superbia personale, fanno si che la falsa chiesa aumenti di dimensioni e questi stolti/e non si stanno rendendo conto cheoffendendono irrimediabilmente Dio, ma al contrario si guardano bene di non proferire alcuna realistica critica, tutto deve essere filtrato dal rispetto umano ....(NON RISPETTO DI DIO, MA RISPETTO UMANO...)

      Rispetto umano, verso colui e coloro che hanno lavorato per suggellare l'ultimo atto previsto dal piano massonico per distruggere la Chiesa visibile, ovvero la distruzione del Primato di Pietro....Ratzinger dicendo che lo ha fatto per il bene della Chiesa, ha ingannato se stesso e tutto il gregge. Come può uno dire che lo fa per il bene della Chiesa, se di fatto ha distrutto il Papato?

      Una cosa è certa dopo di lui, non creda il suo successore di incantarmi o che lo chiami sua santità, o peggio che mi inchini ai suoi voleri se questi sono contro la Tradizione e la Fede di sempre, ma ci mancherebbe..... IO SONO IL BUON PASTORE E LE PECORE SANNO RICONOSCERE LA MIA VOCE....ha detto Gesù.

      LA VOCE DI CRISTO E' NELLA TRADIZIONE, non nel tradimodernismo, cioè tradizione commistionata a modernismo, ma quella TRADIZIONE DI SEMPRE!!! ...

      Se lo ficchino bene in testa questi guru della setta conciliare!!!


      Il successore di Ratzinger, non potrà certo pretendere che io lo chiami ne' Vicario di Cristo, nè sua santità, nè adesso nè mai se andrà fuori rotta anche di un solo millimetro, BASTA CON QUESTA SCHIFOSA PRATICA DEL MINIMIZZARE, COMPRENDERE E GIUSTIFICARE.....

      La Santissima Trinità è TREMENDAMENTE GELOSA, non lo si prenda per i fondelli!!!

      Anche se la speranza insita nella Fede in Cristo, mi induce a non disperare, penso che in questo conclave ABUSIVO voluto dalla setta conciliare, lo Spirito Santo, sarà sistematicamente respinto.

      Se Dio RITORNASSE ora troverebbe la fede sulla terra?

      Quello che fu Benedetto XVI, (con il suo gesto), ha FORMALIZZATO l'apostasia decretando la fine del Papato come ISTITUZIONE DIVINA!!

      Chi lo ha ringraziato, chi ha inneggiato alla sua umiltà, chi cerca di giustificare di minimizzare di comprendere, di fare a gara per dimostrargli affetto, ( quando S. Paolo, riprese duramente e pubblicamente S. Pietro) si accoda ai massoni, ai protestanti e a tutti i nemici della VERA CHIESA, dimostrando ottusità e Dio non voglia, anche malafede dettata dall'opportunimo.

      SLGC

      Elimina
    3. E' quasi un mese che è stato eletto il nuovo pontefice, e lui non si è ancora definito papa, ha rifiutato i simboli petrini e si definisce solo vescovo di Roma. Forse non si sente papa perchè di papa non possono essercene due e Bergoglio riconosce come vicario di Cristo il papa emerito e sente che questa situazione è ambigua o comunque si sente a disagio.
      Un S. Paolo di oggi che ha cercato di riprendere Ratzinger c'è stato ma non è servito a nulla, lui dalla CROCE è sceso.

      Elimina
  4. non hanno fiatato.....
    già, proprio così.
    Caro lister, esattamente come i Padri conciliari che firmarono tutti i documenti, decretando la sovversione della Chiesa, graduale, dalle fondamenta.
    Pottenza d'inganno che ha accecato le coscienze.
    Castigo di deriva dottrinale, di Fede, di Morale, e traviamento fatale d'intelletti, piccoli e grandi, per non aver ascoltato la Madre di Dio e Madre della Chiesa, inviata da Dio stesso nella sua Provvidenza, per ammonire i suoi figli dai passi disastrosi che si accingevano a compiere.
    Madre Celeste inascoltata e imbavagliata, silenziando i suoi umili portavoce, con ordini perentori, (per tutta la vita suor Lucia fu impedita di parlare, mentre il mondo intero si interrogava sui gravi contenuti di quel segreto, dopo l'ecc. di quella nota frase "...solo in Portogallo si conserverà il dogma della Fede, ecc.....")
    Eccoci al compimento di tutto ciò che in quel segreto era detto: la grande apostasia che sarebbe iniziata dai Vertici della Chiesa, devastando la Fede di tutto il Gregge e mettendo a rischio la salvezza eterna di milioni di anime !
    non finisco di stupirmi per una simile iniquità e stoltezza commessa in primis dai sommi Pastori, e poi, per influsso naturale, trasmessa verso il basso, al clero e a tutto il Gregge docile e ignaro, convinto che i messaggi di Fatima non fossero buoni per la Chiesa, e che i Papi sapesssero fare molto meglio di testa loro che non dando retta agli avvisi del Cielo, definiti con gran disprezzo "profezie di sventura", spesso negandone la natura soprannaturale, come fossero deliramenti di poveri mentecatti.
    Il castigo inevitabilmente deve compiersi e si va svolgendo, mentre la gran massa dei cattolici applaude, con perfetta incoscienza di ciò che accade (a livello soprannaturale).
    Talvolta a pensarci, leggendo e sentendo il fragore del gioioso plauso che sale dalle piazze mediatiche, mi pare che stiamo muovendoci come gli inquilini delle TWIN TOWERS, nella parte superiore, subito dopo che gli aerei killer avevano tranciato i corpi degli edifici:
    sospesi per una manciata di secondi a mezz'aria, prima del crollo finale.

    Attimi che sembrano durare chissà quanto.
    Ma quegli attimi finiranno. Tutto avrà un compimento, tutto ciò che è detto nelle Scritture si sta avverando, mentre tanti incoscienti, migliaia, milioni forse, corrono verso il baratro della perdizione e confusione eterna, gridando :
    "Evviva, che giorni gloriosi stiamo vivendo....Grazie Santità di averceli regalati!".
    Potenza d'inganno che tenta di accecare anche gli eletti, se non restano vigilanti.
    chi sta in piedi veda di non cadere. Nessuno è al sicuro dall'accecamento che avanza come una linea di fuoco nella foresta che brucia.

    E come ci ricorda il rev.mo C. Baronio,
    nihil inultum remanebit.

    RispondiElimina
  5. E' ARRIVATO UN NUOVO PAPA CHE HA TUTTE LE SENSIBILITA' E I CARISMI DEL VENERABILE PAPA PAOLO VI!!! ESULTIAMO TUTTI CON GIOIA!!!! PER I TRADIZIONALISTI ORA E' DEFINITIVAMENTE FINITA!!!! LA CHIESA SUDAMERICANA DEI POVERI E DELLE FAVELAS SEPPELLIRA' L'ORGOGLIO IMPERIALISTICO DEI TRADIZIONALISTI....

    RispondiElimina

Posta un commento