I vestiti nuovi dell'imperatore Bergoglio




A proposito dell'articolo Il primato petrino e i segni dei tempi,
apparso su Chiesa e post concilio.

E' evidentissimo che i problemi denunziati dai media durante il precedente Pontificato erano solo ed esclusivamente pretestuosi e volti a togliere di mezzo Benedetto XVI. Dico togliere di mezzo perché le intenzioni erano note sin da un anno fa: se non si fosse dimesso, forse avremmo dovuto annoverare Ratzinger assieme a Luciani nella lista delle vittime della Curia Romana. 

Eppure è il caso di notare che il mondo, il secolo profano, non ha alcuna vera sollecitudine per i problemi della Chiesa: esso li addita come colpe solo per l'ultima sacra Monarchia di diritto divino in Europa, mentre diventano diritti quando sono praticati dai laici e dai gentili. 



Omosessualità: un problema della Chiesa nei suoi chierici, non del mondo, che sbandiera i diritti dei gay, il matrimonio tra persone dello stesso sesso, il diritto all'adozione ecc.

Pedofilia: un problema della Chiesa nei suoi ministri, non del mondo, che teorizza il diritto alla sessualità per i minorenni, l'educazione sessuale degli innocenti, la perversione dei fanciulli e dei giovani.

Corruzione e carrierismo: un problema della Chiesa nella sua Gerarchia, non del mondo, i cui esponenti convivono e si pascono di corruzione, tangenti, conflitti di interessi, ricatti. 

Trionfalismo: un problema della Chiesa nella sua Regalità, e non del mondo, che tributa onori alla feccia dell'umanità: pubblici peccatori, concubinari, viziosi, ladri, iracondi, corrotti e via elencando. 

Integralismo e intolleranzaun problema della Chiesa nella sua divina costituzione, e non del mondo, che nondimeno catechizza le masse con i nuovi dogmi della tolleranza, della solidarietà, del pacifismo, della dignità dell'uomo, del filogiudaismo.

Ovviamente a questo stracciarsi le vesti per la vera o presunta corruzione o immoralità del Clero si accompagna, com'è ovvio, l'insofferenza alle ragioni dottrinali e morali che la Chiesa dovrebbe addurre per sradicare questi mali al suo interno. Il senso del peccato, la necessità della disciplina e della penitenza, la considerazione dei Novissimi, il ricordo salutare della pena eterna, l'esempio dei Santi, e prima di tutto i Comandamenti del Salvatore nostro e gli insegnamenti del Magistero, la dignità del nome cristiano, l'onore di Dio e della Chiesa, il primato della Verità e la condanna dell'errore.

Ecco allora che un quivis de populo può parlare di solidarietà, di amore, di fratellanza, di speranza, di soccorso ai poveri e ai bisognosi senza mai menzionare il motivo per cui il Cattolico dev'essere virtuoso: l'amore di Dio e l'amore del prossimo per amor Suo

Sfamare gli affamati, vestire gli ignudi, consigliare i dubbiosi, visitare i carcerati e via elencando sono opere di misericordia, ma senza la Carità - virtù teologale mossa dalla Fede - queste opere sono prive di qualsiasi merito spirituale, sono sterili e vuote, come un cembalo che tintinna, per usare le parole dell'Apostolo.  Un pagano convinto o un eretico pertinace sono incapaci di atti di vera Carità, perché non riconoscono nella Sua completa essenza il Dio Vivo e Vero che dovrebbero amare sopra ogni cosa, né le loro opere di misericordia sono meritorie, perché non hanno in quello stesso Dio Vivo e Vero la propria origine e il proprio fine. Si potrà al massimo parlare di filantropia - nella quale affermano di eccellere gli adepti delle sette massoniche e delle loro associazioni satelliti - e che si pone quale contraltare alla Carità cristiana, così come la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo è il contraltare della Legge Divina.


Questo Pontificato è virtuale non solo per opera dei media e dei cosiddetti intellettuali progressisti; esso è frutto di una sua distorta concezione proprio da parte di chi ne è rivestito, e conduce ad un esercizio del potere papale slegato dal munus ed ancor più dalla finalità propria del Papato. 

San Pietro non indossava né la mozzetta né i calzari purpurei della maestà imperiale, non portava la tiara né il fanone; ma era conscio del proprio ruolo, e fu martirizzato in quanto Sommo Pontefice della Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana. Togliere oggi le residue, pallide insegne del già minato potere papale non è gesto di povertà o di umiltà, ma indice di sommo orgoglio e preludio ad un nuovo modo di esercitarlo, privo tanto delle finalità quanto delle motivazioni soprannaturali che lo legittimano e lo pongono sotto la protezione diretta dell'Altissimo. 

Essere Vescovo di Roma era sinonimo, sino a ieri, dell'essere Papa, Vicario di Cristo, Successore del Principe degli Apostoli. Come essere padre dei propri figli è sinonimo dell'esser marito della loro madre. Ma sappiamo tutti - senza bisogno di bizantinismi ed elucubrazioni da legulei - che oggi vi è una differenza voluta tra queste espressioni, e che la prima attenua o nega addirittura le altre. 

Nomina sunt consequentia rerum, dice l'adagio: il Vescovo di Roma in veste piana non vuole essere - o quantomeno non vuole essere anzitutto - il Supremo Pastore della Chiesa Universale, eppure al tempo stesso agisce e si muove con la non chalance del supremo legislatore, innovando, sopprimendo, cambiando, cancellando, abolendo, riformando a proprio arbitrio.

Se fosse solo Vescovo, Bergolio dovrebbe obbedire al proprio superiore ed adeguarsi alle norme, alle regole, agli usi e a quella tanto decantata prudenza che oggi vale solo a freno per la virtù mentre dovrebbe essere regola del retto agire ordinato al fine. Abbiamo avuto mille esempi, in questi ultimi cinquant'anni, di quanto poco sia esercitata la prudenza quando sarebbe viceversa necessario, e quanto invece essa venga indebitamente usata come pretesto per lasciare impuniti gli empi e impedire ai buoni di agire: per quella perversa prudenza che merita il nome di pavidità - se non quello di connivenza - si lasciano chierici indegni nelle parrocchie, nei seminari, nelle Diocesi, nelle Università cattoliche, nei Dicasteri Romani; ed è sempre in nome di quella pavidità che il bene viene conculcato, i diritti legittimi dei fedeli calpestati. Sempre per quella maledetta pavidità, si tollera che la Comunione venga amministrata nelle mani dei fedeli, con la certezza morale della profanazione, si autorizzano le celebrazioni sacrileghe dei Neocatecumeni, si privano tante anime della consolazione dei Sacramenti, si umiliano i giusti e si lasciano trionfare i malvagi, che proliferano e si inorgogliscono e vanno fieri della propria impunità. 

Andrebbe detto, a onor del vero, che questo ultimo passo verso la dissoluzione del Papato è la conseguenza diretta e quasi necessaria dell'atteggiamento rinunciatario del predecessore: il solo esempio del modo di amministrare la Santa Comunione vale per tutti, laddove esso si è limitato ad essere un tacito richiamo a darla sulla lingua al fedele inginocchiato, senza ricorrere ai mezzi vincolanti e coercitivi della legge canonica, che ha nel Pontefice il supremo legislatore. E l'abdicazione, mai abbastanza deplorata, ha ulteriormente minato la Sacra Potestà del Papato, quasi che il Signore non fosse in grado di garantire le grazie di stato al Suo Vicario anche in età avanzata o in condizioni travagliate per il governo della Chiesa. 

L'essere Papa ma il non comportarsi fino in fondo da Papa esercitandone appieno l'autorità doveva condurre, in questa temperie, ad un successore che portasse a compimento la scissione tra agere ed esse, cercando di non dichiararsi Papa proprio per non dover agire come tale. 

Nonostante Bergoglio si dichiari ostinatamente Vescovo di Roma, egli è anche Papa, o quantomeno questo è il ruolo e la carica che gli è stata attribuita dal Conclave, che egli ha accettato di esercitare e che l'orbe cattolico gli riconosce. Con quell'autorità che gli deriva dalla carica ricoperta, egli può permettersi le innovazioni e le stravaganze che nessuno, sinora, aveva osato compiere: nella contraddizione - sia chiaro - di agire con l'autorità di Papa, ma nel non proclamarsi tale. 


Pare di assistere al ripetersi della medesima contraddizione in cui incorrono i rivoluzionari, quando prendono il potere sulle rovine delle Monarchie: prima essi spodestano i Principi legittimi in nome del popolo sovrano, poi affamano e tiranneggiano in modo ben più crudele e tremendo lo stesso popolo sovrano, in nome di una presunta democrazia che rimane semplice petizione di principio. Per i Sovrani, la ghigliottina, sempre e comunque; per i rivoluzionari, elogi e attestazioni di fiducia irrazionale fino all'autolesionismo. Ma i primi hanno il diritto ed il dovere di esercitare la propria autorità sovrana; i secondi sono degli usurpatori, che si fanno scudo di una sovranità che dovrebbe teoricamente risiedere in coloro che essi governano, ma che viceversa essi detengono ed esercitano come tiranni, senza aver nemmeno il coraggio di assumersene la responsabilità. 

Inutile notare che, giunti nella sala del trono, i rivoluzionari sanno solo distruggere, devastare, dare alle fiamme; e se li si vede rivestiti di qualche insegna del potere del quale si sono impadroniti, il loro contegno ricorda i più grotteschi dittatori africani.



Viene in mente la fiaba di Andersen:
C'era una volta un imperatore che amava così tanto la moda da spendere tutto il suo denaro soltanto per vestirsi con eleganza. Non aveva nessuna cura per i suoi soldati, né per il teatro o le passeggiate nei boschi, a meno che non si trattasse di sfoggiare i suoi vestiti nuovi: possedeva un vestito per ogni ora del giorno, e mentre di solito di un re si dice: È nella sala del Consiglio, di lui si diceva soltanto: È nel vestibolo.


Nella grande città che era la capitale del suo regno, c'era sempre da divertirsi: ogni giorno arrivavano forestieri, e una volta vennero anche due truffatori: essi dicevano di essere due tessitori e di saper tessere la stoffa più incredibile mai vista. Non solo i disegni e i colori erano meravigliosi, ma gli abiti prodotti con quella stoffa avevano un curioso potere: essi diventavano invisibili agli occhi degli uomini che non erano all'altezza della loro carica, o che erano semplicemente molto stupidi. [...]



Non è forse magnifique?, dicevano in coro i due funzionari; Che disegni, Maestà! che colori!, e intanto indicavano il telaio vuoto, perché erano sicuri che gli altri ci vedessero sopra la stoffa. [...]
Magnifique!, Excellent!, non facevano che ripetere, ed erano tutti molto felici di dire cose del genere. [...] 
L'imperatore si spogliò, e i due truffatori fingevano di porgergli, uno per uno, tutti i vestiti che, a detta loro, dovevano essere completati: quindi lo presero per la vita e fecero finta di legargli qualcosa dietro: era lo strascico. Ora l'imperatore si girava e rigirava allo specchio.


Come sta bene! Questi vestiti lo fanno sembrare più bello!, tutti dicevano. Che disegno! Che colori! Che vestito incredibile!

Stanno arrivando i portatori col baldacchino che starà sopra la testa del re durante il corteo!, disse il Gran Maestro del Cerimoniale.

Sono pronto, disse l'imperatore. Sto proprio bene, non è vero? E ancora una volta si rigirò davanti allo specchio, facendo finta di osservare il suo vestito.

I ciambellani che erano incaricati di reggergli lo strascico finsero di raccoglierlo per terra, e poi si mossero tastando l'aria: mica potevano far capire che non vedevano niente.
Così l'imperatore marciò alla testa del corteo, sotto il grande baldacchino, e la gente per la strada e alle finestre non faceva che dire: Dio mio, quanto sono belli gli abiti nuovi dell'imperatore! Gli stanno proprio bene! Nessuno voleva confessare di non vedere niente, per paura di passare per uno stupido, o un incompetente. Tra i tanti abiti dell'imperatore, nessuno aveva riscosso tanto successo.
Ma l'imperatore non ha nulla addosso!, disse a un certo punto un bambino. Santo cielo, disse il padre, Questa è la voce dell'innocenza!. Così tutti si misero a sussurrare quello che aveva detto il bambino.
Non ha nulla indosso! C'è un bambino che dice che non ha nulla indosso! Non ha proprio nulla indosso!, si misero tutti a urlare alla fine. E l'imperatore rabbrividì, perché sapeva che avevano ragione; ma intanto pensava: Ormai devo condurre questa parata fino alla fine!, e così si drizzò ancora più fiero, mentre i ciambellani lo seguivano reggendo una coda che non c'era per niente.

Solo il bimbo innocente riconosce la nudità del re, mentre i cortigiani e i sudditi elogiano le magnifiche vesti invisibili. 

Oggi solo un semplice, un fanciullo, si rende conto della nudità di Bergoglio, mentre i cortigiani del secolo e i sudditi della setta conciliare elogiano le sue virtù, la sua povertà, la sua umiltà:


Come gli stanno bene quelle scarpe nere!, squittiscono certi giornalisti. Che gesto di umiltà, quella croce di ferro!, commentano altri. E si sdilinquiscono nel veder apparire al balcone Francesco che saluta con un Buona sera come se fosse il presentatore di uno show. 
Finalmente le mitrie di Pio IX e i paramenti d'oro sono stati rimessi nelle soffitte, esulta il direttore di un'emittente cattolica. Sono finite le carnevalate, chiosa un altro. I cerimonieri devono essere mandati a casa, inveisce un prete in clergyman. 
A tutti Bergoglio sembra vestito in modo molto negletto e poco consono alla dignità apostolica, ma siccome le magnifiche vesti della povertà e dell'umiltà di Francesco, a quel che dicono i sarti vaticani, si vedono solo se si è progressisti e fedeli al Concilio, allora tutti vanno in brodo di giuggiole per i baci ai piedi dei galeotti, per la mitria Ikea, per i discorsi a braccio. L'anello d'argento dorato è una scelta di povertà eroica! 
Salvo poi sentire il semplice fedele che osserva: Ma le croci d'oro che i fedeli hanno donato alla Chiesa, perché non se le mette? E il vecchio parroco: Perché comprare dei paramenti così brutti, quando ne hanno di stupendi nelle sacristie papali? E la madre di famiglia: Se è così umile, perché non si veste come tutti gli altri Papi, invece di distinguersi tanto? E il generale: Se io mi togliessi le medaglie e i galloni, sarei disprezzato dai miei soldati. E il povero che elemosina sul sagrato: Io mi sentivo in una reggia, quando entravo in una chiesa; c'era il latino, il gregoriano, l'incenso; ora mi hanno tolto anche quel poco che mi faceva pesare meno la mia povertà. 


Ovviamente ci sono ancora Cattolici che guardano la realtà con gli occhi della ragionevolezza e del sensus Ecclesiae. Essi sono i fanciulli della favola - e del Vangelo - dei quali Nostro Signore disse:  Sinite parvulos venire ad me

Bergoglio è nudo.

Commenti

  1. Osservazioni da sottoscrivere. Aggiungerei solo una cosa. Oltre che nudità, questo atteggiamento, denota anche vecchiaia... Questi "novatori" insomma oltre che nudi sono ormai vecchi, troppo vecchi e scontati per pretendere che qualcuno (salvo i ciechi e servili cortigiani della loro ideologia) possa ancora a lungo considerarli tali.

    RispondiElimina
  2. Magnifico!... come sempre, Baronio.

    RispondiElimina
  3. il coro che loda e loderà sempre più i vestiti inesistenti, purtroppo è la stragrande maggioranza degli uomini, cattolici e non-credenti, col massimo esponente (di ipocrisia e stupido conformismo).

    Ora capisco come si affermarono le dittature, specie il fascismo. La gente cieca e stolta adulatrice di ipocriti superbi, se lo merita, il dittatore.
    Ora, tutti i laudatores vanno giulivi al guinzaglio di satana, e del suo pensiero unico, che li porta in bocca all'anticristo, felici di farsi inghiottire da chi promette loro la felicità dell'aldiqua, rinnegando Cristo Signore, considerato "sorpassato" dai tempi moderni e dal "vangelo rivisitato" in salsa "cantalamessa" & cheguevarista.

    rt

    RispondiElimina
  4. Caro Monsignore,torno a leggerla dopo un mese di segregazione "ospedaliera";continui a gridare forte in difesa della Fede(con tutti i sacrosanti dogmi)esplicando così la vera e santa Carità nei confronti dei fratelli a rischio accecamento,usi le sue capacità retoriche per fronteggiare la insidiosa marea di melassa che ci sta sommergendo(vedasi ad esempio la scandalosa predica del p.Cantalamessa)e gliene saremo tutti grati.Bella e vera l'immagine del povero defraudato e umiliato.Sia lodato Gesù Cristo.

    RispondiElimina
  5. E Gesù ha detto anche che solo quelli come i bambini entreranno nel Regno dei Cieli..
    grazie Baronio!

    RispondiElimina
  6. Carissimo, scusa se mi permetto, vorrei proporti il mio blog, se lo trovi interessante fammi sapere. http://parlottandotranoi.blogspot.it/
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scusi,la domanda non era rivolta a me,ma sono comunque andata sul suo blog e mi è sembrato intriso di modernismo

      Elimina
  7. Splendido! Ottime osservazioni.

    RispondiElimina

Posta un commento