La stampa prona dinanzi al calzolaio personale di Bergoglio



ANSA - ''Niente scarpe rosse, nere come sempre'': fedele al suo stile austero e alla lealtà dimostrata a chi lo conosce da anni, Papa Francesco ha telefonato a Carlos Samaria, il suo calzolaio di fiducia da 40 anni a Buenos Aires, per raccomandargli di non cambiare di modello per il paio di scarpe che gli portera' in Vaticano, probabilmente nel maggio prossimo.
''Hanno un taglio semplice: sono di cuoio di vitello con una tomaia liscia, senza decorazioni. Se prendi una scarpa del Papa sembra una galoscia, senza adorni ma con i lacci'': cosi' descrive le scarpe del pontefice Samaria, che ha 81 anni e conosce Francesco da quando era Jorge Bergoglio, direttore del collegio dei Gesuiti a San Miguel, nella periferia nord di Buenos Aires. Il calzolaio del Papa, intervistato dal quotidiano Clarin, insiste: ''Lui non vuole scarpe nuove, vuole sempre che gli ripari quelle vecchie, ma adesso gli sto preparando un paio semplice semplice, che gli portero' quando possa andare a trovarlo, forse a maggio''.
Samaria e' uno dei molti conoscenti argentini di Francesco che ha avuto la sorpresa, un paio di settimane fa, di essere svegliato presto la mattina da una telefonata del Papa: ''Pronto, Samaria? Sono Bergoglio'', gli ha detto, e quando il calzolaio, non del tutto sveglio, ha ripetuto ''Ma chi e'?'' ha risposto ''Samaria, sono Francesco, il Papa''. L'artigiano ha poi fatto uno scherzo al suo vecchio cliente, proponendogli di fabbricargli dei guanti di amianto ''perche' quanto piu' grande e' il manico che si tiene, piu' brucia''. Francesco ha risposto con una risata: ''Ha proprio ragione, Samaria'', gli ha detto.

Commenti

  1. I calzari rossi del pontefice romano, derivano da una tradizione imperiale: nel momento in cui il papa volle sottolineare la sua autorità universale, lo fece utilizzando il linguaggio dell'imperatore, ossia assumendone i simboli.

    Era proprio dell'imperatore portare la clamide purpurea. Ora il papa indossa il mantello rosso. Era proprio dell'imperatore portera i calzari purpurei. Ora il papa indossa le scarpe rosse.

    Un simbolo, in quanto tale, può anche essere sostituito ma non a detrimento del significato che vi soggiace. Nella tradizione cattolica il papa ha un ruolo e una giurisdizione universale e, dunque, anche a livello del vestiario, deve evidenziarlo.

    Aver dimenticato questo ha portato inevitabilmente al risultato odierno, un risultato i cui prodromi si vedevano già con papa Benedetto XVI.

    Infatti, intervistato il suo segretario sul significato delle scarpe rosse, costui rispose che i calzari "richiamano il sangue dei martiri". Bella cosa, ma non veritiera, in questo caso! E se ci si appoggia su una cosa non vera (che gli sarebbe costato dire la verità?) poi è più facile sopprimere un simbolo e sostituirlo con niente, come in effetti sta avvenendo.

    Alla fine anche da queste piccole cose si nota come Bergoglio non consideri né la storia né il significato della propria autorità. D'altronde pare essere un demolitore che copre la sua attività con ragioni umane di "umiltà" e di "povertà".

    RispondiElimina
  2. Purtroppo molte persone non si rendono conto dell'importanza dei simboli:per es. sul blog molto seguito di Tornielli si dice quasi sprezzantemente che nulla contano scarpe ermellini anelli gesti dirompenti,o meglio contano solo per persone chiuse e grette ,probabilmente anche prive di carità.Poche le voci fuori dal coro.Questo tentativo di svilire il Papato ,la roccia su cui è edificata la Chiesa,fa male e getta la mente in un buio profondo.Come mamma e nonna di piccolissime innocenti creature la mia preoccupazione (già espressa al nostro amato Vescovo tempo fa)non può non aumentare.Avendo responsabilità ridotta al solo ambito famigliare,nel mio piccolo penso con sgomento alla corruzione di bambini e giovani condotta in vari ambiti,senza quasi più un baluardo che si erga a difesa.Sia lodato Gesù Cristo

    RispondiElimina
  3. E questo sarebbe il (non)Papa che aborre la ricchezza? Quanto costa un paio di scarpe fatte a mano su misura? Io non me le posso permettere però se devo presenziare ad un Congresso mi vesto con il mio abito migliore!...

    RispondiElimina
  4. http://www.news.va/it/news/papa-francesco-lo-spirito-spinge-a-cambiare-ma-ce

    omelia un pò ambigua, e preoccupante!

    RispondiElimina
  5. Non è un segno di umiltà farsi fare le scarpe a mano da un calzolaio, potrebbe andarsele a comprare al mercato come fanno tutti i poveracci di questo mondo!
    ...visto che lui ci tiene a queste cose...

    RispondiElimina
  6. Essere Papa significa anche rispettare tradizioni ed usi, che nulla hanno a che vedere con ostentazione di ricchezza e potere. Se Bergoglio rifiuta le scarpe rosse, però se le fa fare su misura.....e se benedice con la stola e immediatamente se la toglie quasi fosse una VERGOGNA....
    Se sega la gratifica prevista ai dipendenti del Vaticano per l'elezione di un nuovo Pontefice, per destinarla ai...poveri (gli zingari?), vorrei ricordargli che la beneficenza si fa con il proprio denaro e non con quello di altri...
    Insomma, viste le sue idee al limite del fanatismo, avrebbe dovuto restare un povero prete di campagna e non fare carriera ecclesiastica.

    RispondiElimina
  7. E le scarpe rosse rifiutate al posto di quelle nere fatte arrivare dall'Argentina, sono solo un piccolissimo particolare, che però è già significativo di un papa che già alla sua elezione, si presenta come scelto per essere Vescovo di Roma....si, diventare PAPA significa anche diventare Vescovo di Roma, ma al momento solenne della sua elezione, sottolineare soltanto il fatto di essere Vescovo, sottintende che non vuol dare importanza (o vorrebbe che apparisse ciò), al fatto di essere PAPA: ne vedremo......

    RispondiElimina
  8. Ieri nel guardare un servizio su Bergoglio a Rai News, ho avuto la netta sensazione che il predetto non avesse in capo la prescritta papalina bianca (già con la stola aveva fatto difficoltà), e che il filmato fosse stato corredato - quasi una sorta di cartone animato - di una papalina disegnata sulla testa del papa....era evidente che fosse una sovrapposizione artificiale....qualcun'altro ha avuto la mia stessa impressione?

    RispondiElimina
  9. Ieri, poveraccio me, ho dovuto circolare in macchina nel quartiere intorno a San Pietro....e male me ne incolse...impossibile trovare un centimetro libero fra pulman di "pellegrini" e frotte di gente (argentina in maggioranza...). Ormai il Vaticano ci ha invaso....un circo senza fine e senza pietà ci ha tolto la tranquillità di circolare in quel quartiere in particolare, e in tutta Roma....Però DENTRO la Città del Vaticano...PROIBITO entrare....e se invece se lo tenessero loro, nel loro esclusivo inserragliato territorio, tutto 'sto tsunami di gente ....francescanamente invasivo?

    RispondiElimina
  10. jolanda colonna11 maggio 2013 17:41

    La prima impressione che ho avuto di Bergoglio è stata teneramente positiva, ho provato perfino un filo di commozione, io - pecora perduta in un cielo senza Dio - ma subito nei giorni successivi ho cominciato ad avere profondi HUMMMM di perplessità. Questo papa che rifiuta tradizioni e consuetudini, che si affaccia dicendo BUONGIORNO come fosse un vicino di casa incontrato in ascensore, che ostenta scarpe nere pluririsuolate, niente stole e spesso niente cappelletto bianco....
    HUUUMMMM.....solo dettagli senza importanza? Mah....ad Avignone è ancora disponibile il palazzo papale? O meglio ancora c'è posto in qualche analoga Casa Rosada nell'Avenida 9 de julio a Buenos Aires? Sarebbe fantastico un trasloco anche delle quintalate di pellegrini fanatici che hanno sommerso la povera Roma nostra forestiera.....come diceva una canzonetta di tanto tempo fa, ma tuttora - ahimè - valida!

    RispondiElimina
  11. Mai avrei pensato che avrei potuto avere nostalgia di Ratzingher....
    L'ultimo Papa del Vaticano!
    Bergoglio?
    Bergoglio !?!?!?!?
    vATICANO: SEDE VACANTE!

    RispondiElimina
  12. fin'ora ho solo sentito castronerie da chi mi ha preceduto.Io da non cattolico convinto,apprezzo intoto qualunque atteggiamento e comportamento di Papa Francesco.Per me è una persona da rispettare al massimo sin dal primo momento dell'insediamento per tutto ciò che ha detto e per tutto ciò che ha fatto.Apprezzo il suo modo umile di presentarsi alla gente,forse unico,salutando con un buongiorno o buona sera, augurando a tutti il buon riposo.Presentandosi in mezzo alla folla come un qualunque cittadino,senza sentirsi investito della carica che occupa,ma come una semplice persona.Non siate blasfemi per favore e rispettate le idee degli altri.Papa francesco sei un "Grande"tutti hanno il masimo rispetto e apprezzamento per te,chi la penza diversamente è solo una esigua minoranza e dei quali non bisogna tenerne conto. W Papa Francesco...

    RispondiElimina
  13. Lei parla così perché è un cattolico non convinto. Per me che sono cattolico, le uniche castronerie qui le ho sentite da lei. Si tenga il suo antipapa Bergoglio!

    RispondiElimina
  14. Guardi, caro Carme, che per me è una tentazione quotidiana, nel Canone della Messa, omettere quel nome... Se legge i miei articoli, capirà che nutro dubbi molto concreti. Ma se dobbiamo esser pronti alla venuta dell'Anticristo, e del suo Precursore, vedrà che anche quel personaggio - proprio in quanto riconosciuto papa dal mondo - ha un suo ruolo in questa visione escatologica. Perché si compissero le Scritture, vi fu bisogno di Giuda, che pure era Apostolo; oggi c'è forse bisogno di Bergoglio. Non crede?

    RispondiElimina

Posta un commento