Rimandiamo in Seminario i Vescovi della nuova chiesa


Il sondaggio che la Santa Sede ha mandato agli Episcopati ha messo in luce una situazione di eresia materiale nei fedeli: la maggior parte di essi crede ad una minima parte dei Dogmi cattolici e non pratica la Morale cattolica. 

Lungi dal trarne un motivo per cambiare la Fede e la Morale, come vorrebbero alcuni, sarebbe il caso di chiedersi se in questi decenni i Vescovi abbiano svolto il proprio ministero predicando la sana dottrina, correggendo gli errori ed allontanando i cattivi maestri. La condizione miserevole del gregge è evidentemente il risultato di una latitanza dei Sacri Pastori, che hanno abbandonato il popolo cristiano. 

Qualcuno dovrebbe rispedire questi Vescovi scioperati in Seminario, ad imparare qual è il loro ruolo, e quali sono gli insegnamenti che la Chiesa pretende che essi impartiscano ai fedeli. Meno chiacchiere, meno abbracci coi Rabbini, meno incontri ecumenici. E più catechismo. 

E se non assolvono i compiti loro affidati, che li si mandi a zappare.

Commenti

  1. Egregio Rev.do, mi domando se e' possibile stravolgere i valori non negoziabili; Visto quello che sta succedendo negli episcopati col famoso questionario, che poi sara' sottoposto al sinodo di ottobre.
    Se questo questionario, come si prevede superera' l'esame, e verra' accettato tutto cio' che in esso e' previsto,
    i vescovi dovranno mettere in atto questioni che stravolgono la Dottrina secolare, come la questione del matrimonio, la comunione ai divorziati e risposati, la validita' del matrimonio come Sacramento intenzionale, (ad esso dobbiamo presumere l'ntenzione dell'ordine sacerdotale) il celibato e tante altre cose.
    Se tutto questo (male o bene tocca i Sacramenti, Battesimo compreso) verra' applicato, rivoluzionera' anche il Vat.II e possiamo de facto definirlo Vat.3.
    A quel punto a quale chiesa ci troviamo di fronte? alla Chiesa di Cristo oppure ad una chiesa atea/senza Dio.
    E noi cattolici purosangue come dovremo comportarci e chi seguire?
    Grazie per una Sua gentile risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me pare che anche senza il Sinodo di Ottobre si sia già andati oltre le peggiori previsioni; ma dobbiamo aspettarci di peggio, visto che Nostra Signora ha predetto alla Salette che Roma sarebbe divenuta sede dell'Anticristo. La Chiesa Cattolica dovrà subire la Passione e rimanere nel sepolcro tre giorni, come avvenne per il Suo Capo, Nostro Signore. Si penserà che sia stata sconfitta, e il Papato verrà temporaneamente eclissato. Ma poi l'Onnipotente spigherà il Suo braccio santo e le darà un trionfo dinanzi al quale i popoli della terra la riconosceranno come unica vera Religione.

      Quanto al questionario, voglio sperare che a nessuno venga in mente di mettere il Depositum Fidei alla mercé del suffragio delle masse, perché se così fosse si tratterebbe di un'apostasia di una gravità inaudita.

      Elimina
    2. Va bene, preg.imo Baronio, ma quanto dureranno i tre giorni? Tre anni? Il 2017, anniversario di Fatima, crollo dei kathecoi di origine romana (imperatore asburgico, kaiser tedesco, czar russo e imperatore ottomano), è vicinissimo; la Chiesa cattolica ha già in programma di celebrare (sic!) il tradimento di Lutero (31 ottobre 1517)...
      Ma poi, il messaggio di La Salette non era stato sottoposto a censura parziale da parte della santa inquisizione (non sono ironico) perché per la profezia Roma-Anticristo non constava la soprannaturalità e la ortodossia?

      Elimina
    3. Assolutamente no: il messaggio della Salette è stato pubblicato nella sua integrità: per arrivare alle falsificazioni, agli inganni e alle censure bisognava aspettare la rivelazione del Terzo Segreto di Fatima ad opera della cricca di Bertone & C.

      Non c'è nulla di eterodosso nelle parole della Madonna: esse tra l'altro non sono l'unico caso di rivelazioni private in cui si mette in guardia dall'apostasia della chiesa conciliare, dall'esorcismo di Leone XIII allo stesso Terzo Segreto, che come hanno avuto modo di dire quanti l'hanno letto parla proprio dell'apostasia della chiesa di Roma.

      Quanto ai tre giorni, saranno realmente tre giorni di tenebre. In quei terribili momenti si dovrà rimanere chiusi in casa a pregare, recitando il S. Rosario, e l'unica luce che si potrà accendere sarà quella delle candele benedette, perché nessun'altra fiamma si accenderà e ci sarà un black-out su tutta la terra. Non si dovrà assolutamente uscire di casa né aprire la porta a chi verrà a bussare.

      Elimina
    4. caro Baronio, il fatto che voi crede ai tre giorni di buio mi spaventa, nel senso che mi spinge a credere anche a me che speravo che non fosse vero. allora vi chiedo se possibile di fare un articolo sul fatto dei tre giorni spiegando bene tutto perche nel web c'e' confusione in merito . spero solo che Dio mei faccia la grazia di avere mia figlia con me. io sono un gran peccatore e non merito grazia alcuna , ma so di essere l'unico che mia figlia ascolta e l'unico che potrebbe aiutarla durante i tre giorni. quindi vi prego anche di ricordare me e mia figlia nelle Vostre preghiere. mi chiamo rocco.

      Elimina
    5. Caro amico,

      stia sereno: il Signore non verrà per farci cadere in un trabocchetto, ma per salvare i buoni e punire i cattivi. L'ha promesso anche la Madonna, rassicurandoci che i Suoi figli avranno tempo e modo di organizzarsi. Siamo tutti peccatori: ma come può vedere in quest'epoca tristissima vi sono quanti odiano Dio, la Vergine e la Chiesa; ed altri che sono solamente deboli, ma che in cuor loro rimangono vicini al Signore. La punizione arriverà per i primi, e sarà occasione di conversione per i secondi.

      Tenga presente che questi Tre Giorni non sono dottrina cattolica, e fanno parte di numerose rivelazioni private a cui è lecito aderire o meno. Io mi sono persuaso, vista la concordanza di molti messaggi di epoche e provenienze diverse, che sia il caso di tenersi in casa un paio di candele benedette.


      Elimina

Posta un commento