I "quattro cardinali" di Bella Dodd: ecco i nomi



Il sito OnePeteFive ha pubblicato un interessante articolo su Alice Von Hildebrand, poi tradotto da Una Vox

Questa è la parte che mi interessa analizzare:

La seconda conversazione è con Bella Dodd, di cui ho già parlato in precedenti occasioni. L’incontrammo nell’autunno del 1965 e lei venne in visita da noi qui a New Rochelle, NY, dove vivo tuttora, sia nel 1966 sia nel 1967. 

Era stata una fervente comunista fin da quando era studentessa all’Hunter College - un covo del comunismo. (Questo è il motivo per cui io lì fui sistematicamente perseguitata, come ho raccontato nel mio libro, Memoirs of a Happy Failure.) Bella avevano diffuso i semi di questa filosofia diabolica a Hunter, ma si convertì nel 1952 sotto la guida dell’Arcivescovo Fulton Sheen. 
Lasci che riporti la conversazione tra lei e mio marito: 
DVH: temo che la Chiesa sia stata infiltrata.

Bella: Tu lo temi, caro professore, ma io lo so! Quand’ero una fervente comunista lavorai a stretto contatto con quattro cardinali in Vaticano che lavorano per noi; e che tuttora sono molto attivi.
DVH: Chi sono? Mio nipote Dieter Sattler è un tedesco di stanza presso la Santa Sede. 
Ma Bella, che era sotto la guida spirituale di Mons. Sheen, si rifiutò di dargli queste informazioni.
Partiamo all'assunto che le quattro persone chiamate in causa fossero Cardinali già prima della conversione di Bella Dodd ("Lavorai a stretto contatto con quattro cardinali [...] che tuttora sono molto attivi"), ma potrebbe trattarsi anche di un equivoco, per cui la Dodd intendesse dire "Lavorai a stretto contatto con quattro ecclesiastici [...] che ora sono cardinali molto attivi". Ma se vogliamo prestar fede a quanto ci riferisce Alice Von Hildebrand, dobbiamo ritenere valido il primo caso.

Per risalire al nome dei quattro Cardinali cui accenna Bella Dodd, occorre fare un semplice calcolo. Queste le premesse:

1. sappiamo che la Dodd si è convertita nel 1952
2. sappiamo che nel 1965 la Dodd li definisce "tuttora molto attivi"

Deduciamo quindi che i Cardinali in questione dovessero essere tali dal 1952 al 1965.

Quindi occorre semplicemente fare un elenco dei Cardinali viventi tra il 1952 ed il 1965, ossia a cavallo tra il Pontificato di Pio XII, Giovanni XXIII e Paolo VI. E' una cosa che prende tempo, ma non impossibile. 

Mi sono basato sulla lista dei Cardinali creati durante il pontificato di Pio XII reperibile in internet. Sappiamo che, alla morte di Pio XII, il Sacro Collegio contava 53 membri (55 - 2 morti durante la sede vacante). Di questi 53, 26 erano ancora vivi nel 1965.

Ecco l'elenco:
  1. Krikor Bedros XV Aghagianian
  2. Benedetto Aloisi Masella
  3. Clemente Micara
  4. James Charles McGuigan
  5. Carlos Carmelo de Vasconcelos Motta
  6. Norman Thomas Gilroy
  7. Francis Joseph Spellman
  8. Jaime de Barros Câmara
  9. Enrique Pla y Deniel
  10. Josef Frings
  11. Ernesto Ruffini
  12. Antonio Caggiano
  13. Thomas Tien Ken-sin
  14. Augusto Álvaro da Silva
  15. Pietro Ciriaci
  16. Maurice Feltin
  17. Carlos María Javier de la Torre
  18. Giuseppe Siri
  19. James Francis Louis McIntyre
  20. Giacomo Lercaro
  21. Stefan Wyszyński
  22. Benjamín de Arriba y Castro
  23. Fernando Quiroga y Palacios
  24. Paul-Émile Léger
  25. Valerian Gracias
  26. Alfredo Ottaviani
Di questi Porporati, tolti i membri del Coetus Internationalis Patrum e gli altri chiaramente conservatori o ininfluenti, rimangono:
  1. Krikor Bedros XV Aghagianian († 1971)
  2. Clemente Micara († 1965)
  3. Josef Frings († 1978)
  4. Giacomo Lercaro († 1976)
Come si vede, i nomi dei quattro Cardinali non sono un mistero.
Voi che ne pensate?

Commenti

  1. Non ho mai letto niente sul pensiero di Micara, ma gli altri tre erano sicuramente modernisti (Frings aveva come perito un certo Ratzinger, definito più modernista di tutti i rivoluzionari del CV II), e quindi sospetti di tramare per il comunismo, il protestantesimo e la massoneria. Quindi la scrematura ha dato sicuramente un buon risultato, per non dire ottimo. Ma Casaroli non rientra in questo elenco? mi meraviglia, dato che era l'uomo di Montini nei rapporti con i bolscevichi sovietici, l'uomo dell' Ostpolitik.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire la verità, anch'io nutro qualche perplessità su Micara (cioè che sia uno della risma di Lercaro). Ma pare che a lui si debba l'aver convinto i Cardinali conservatori a votare per Paolo VI al Conclave dopo la morte di Roncalli. In ogni caso, la lista integrale è quella coi 26 nomi: quelli di sicuro sono coloro che, creati Cardinali prima del 1952, erano ancora vivi nel 1965. Lei ha qualche idea?

      Elimina
  2. Anche se defunti, si potrebbe ancora oggi togliere la berretta e riportarli allo stato laicale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente no, essendo il Cardinalato un titolo onorifico che decade con la morte di chi ne è insignito.

      Elimina
  3. Qualcuno sa dirmi chi era perito del card. Frings al Concilio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che lo sappiano tutti, o quasi. Era Joseph Ratzinger...

      Elimina

Posta un commento