Et dabant ei alapas


Miserabili. Non ho altre parole per definire l'infame oltraggio con cui è stata volta in blasfema parodia l'Ultima Cena, uno dei momenti più sacri della Settimana Santa, proprio mentre la Chiesa celebra la Passione del Signore. 

Miserabili. E' facile, troppo facile offendere Gesù Cristo, in questa società scristianizzata che si mostra sollecita ed accogliente verso i vizi più turpi, e che rimane sorda davanti all'amore redentore di Dio, al Suo sacrificio, alla Sua Croce.

Ma gli oltraggi, gli schiaffi, gli sputi, i colpi di bastone, le frustate vengono dai nemici di Cristo: da costoro non possiamo aspettarci altro, perché sono accecati dall'odio ed hanno per padre Satana. Ciò che addolora maggiormente il Cuore divino del Signore è il silenzio imbarazzato, il tradimento complice, il rinnegamento dei Suoi apostoli. Et, relicto eo, fugerunt


Commenti

  1. Un tempo i frutti della chiesa erano i santi ora bene che vada solo eunuchi. Baronio l'hai spiegato bene in articolo dell'anno passato. Se non viene Uno che spazza via questa nebbia bisogna solo pazientare.Buona Pasqua. Cristos anesti

    RispondiElimina
  2. Sì.

    Ma che ci si può aspettare da "presbiteri" modernisti, già sul nascere "vocazioni" conciliabolar-ereticali, poi ulteriormente deformati dal "seminario" conciliabolare o dal (de)formatore dell'ordine modernista di turno dove tutto gira attorno al "fratello" ed al profondo rispetto di fronte a QUALUNQUE sua opinione o scelta a prescindere dagli effetti che ciò possa avere a livello dottrinale o morale? E dove l'unica eccezione alla "misericordia totale" è il cattolico integrale autentico, secondo l'insegnamento della "santa Rivoluzione": «Pas de liberté pour les ennemis de la liberté»?


    Gli è però che sarà anche dallo stramaledetto silenzio di costoro che dipenderà la durezza e la durata dei prossimi (sicurissimi) castighi a venire...

    RispondiElimina
  3. Schifo immane, è vero. Ma dopo gli affreschi commissionati da mons. Paglia per il Duomo di Terni, di cosa stupirci? Questi almeno non sono sacerdoti e non hanno imbrattato una chiesa.

    RispondiElimina

Posta un commento