Lucia Caram, la "suora" blasfema della neo-chiesa bergogliana



Nel novero dei personaggi impresentabili della setta conciliare merita in esser inserito il nome di Lucia Caram, suora domenicana di clausura (?) di origine argentina che lo scorso febbraio, nel corso di un programma spagnolo (qui), ha bestemmiato la sacra Verginità di Maria Santissima affermando: 
Maria e Giuseppe avevano una relazione normale di coppia che ovviamente comportava anche fare sesso come tutte le coppie normali.

La stampa riporta che i fedeli cattolici, offesi da questo pubblico oltraggio alla Madonna, hanno chiesto alla Gerarchia la sua punizione. A seguito dello scandalo suscitato dalle sue parole, la religiosa non ha ritrattato quanto detto, limitandosi a chieder scusa a chi si fosse sentito offeso:

Volevo dire che non sarei scandalizzata se la Vergine Maria avesse avuto una relazione di coppia con suo marito, il matrimonio e il sesso sono una benedizione.
Per molto tempo la Chiesa ha avuto un pessimo rapporto con i temi legati alla sessualità. Era negato e visto come qualcosa di sporco da nascondere, invece io penso che sia una benedizione. [...] Insomma è veramente difficile credere che Maria e Giuseppe non avessero relazioni sessuali e che lei fosse davvero vergine. San Giuseppe è stato sempre raffigurato come un vecchio con la barba. E allora io mi domando: Maria stava con un uomo che poteva essere suo nonno? Ma no, no, lei era innamorata di Giuseppe e la loro relazione era come quella di qualsiasi coppia.

La Santa Sede - chiamiamola così - da allora non ha preso alcun provvedimento, e la Caram continua a tenere programmi di cucina in televisione e a pubblicare libri. E le sue entrate, a quel che risulta (qui) paiono ben poco coerenti con gli scopi caritativi ufficialmente dichiarati. Tra l'altro la Caram è attivamente impegnata in politica, nonostante il divieto sancito dal Diritto Canonico.

I giornali riferiscono che avrebbe ricevuto minacce di morte da parte di integralisti cattolici, i quali notoriamente sono violenti e assassini. Probabilmente la minaccia più dura potrebbe trovarla lei stessa nel Vangelo (Lc XVII, 1-2):

Guai a colui per cui avvengono. E' meglio per lui che gli sia messa al collo una pietra da mulino e venga gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli.

Non stupisce che questa rinnegata eretica, fautrice del dialogo ecumenico e di tutte le istanze della neo-chiesa, ivi compresa la difesa dei sodomiti e dei transessuali, condivida col Sedicente le proprie origini argentine. 

Triste eredità che accomuna una bestemmiatrice della Vergine al distruttore della Chiesa di Cristo.

Questa accolita di anime belle, di fulgidi esempi di carità e cristiana pietà, si onora di aggiungere al serto glorioso ond'è coronato il pontificato di Bergoglio anche quest'ultima gemma di virtù.


iplogger.org - IP Logging Service

Commenti

  1. Inutile negare l'evidenza: sotto questo (diciamo) pontificato stanno venendo alla luce le più inimmaginabili eresie e i più inauditi oltraggi alla fede ed alla dottrina cattolica. Forse è davvero questa la ragione per cui l'Altissimo ha permesso a certi personaggi di assurgere a certe cariche gerarchiche (e non parlo del solo Seggio di Pietro). Tutto ha un senso: di questo stiamo certi, e, chiedendo perdono all'Oltraggiata da parte nostra e anche da parte di chi ormai non sa più cosa inventarsi per allinearsi al principe di questo mondo, chiediamo umilmente la Sua materna protezione ed a Lei affidiamoci totalmente.

    RispondiElimina
  2. Ma non e' questione di chiedere punizioni, bisogna chiamare il 118. Non puoi da suora dire "nella beata SEMPRE VERGINE Maria" tre volte al giorno e poi in radio "si', beh, ma forse...". O sei in malafede, o non sei nella religione giusta, o hai un GRAVE esaurimento nervoso. In nessuno dei casi sei qualificato a parlare a nome degli altri cattolici. Essere una suora in questo caso e' aggravante, hai preso le parti della religione che ti andavano bene, la misericordia, la carita', vitto e alloggio e pensione, e per il resto pensi, e quindi, presumo, fai, tutto quello che TU ritieni giusto. Comodo eh.

    Comunque la suora e' il sintomo, la malattia e' l'inazione dei suoi superiori. Ma in fondo la Chiesa ha reagito. Dal basso. Non praevalebunt.

    RispondiElimina
  3. "Per molto tempo la Chiesa ha avuto un pessimo rapporto con i temi legati alla sessualità. Era negato e visto come qualcosa di sporco da nascondere..."

    Non so se ridere o piangere.

    La sessualità DOVEVA rimanere nell'ambito della famiglia per una serie di ragioni di carattere sanitario, di ordine sociale (non inteso come insieme di precetti della capricciosa classe dominante ma come comportamenti per continuare ad esistere senza conflitti). Tutto quello che era fuori dall'ambito della famiglia non era sporco era TOSSICO e trattato come tale. Non saranno mancati bigotti e abusi, non mancano neppure oggi, e sono anzi in aumento, e quindi anche la concezione odierna va buttata?

    Condannare il vecchio ordine con queste frasi vuol dire non capire la società dei nostri nonni, e tanto meno quella dei tempi di Cristo. La mia domanda a questo punto diventa: ma cosa ha fatto di male l'Argentina per meritarsi Maradona, Bergoglio e questa qua?

    RispondiElimina
  4. http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2017/12/19/news/denuncia-dei-preti-chiesa-arretrata-e-politica-distante-1.16258211

    RispondiElimina
  5. compare Turiddu23 dicembre 2017 01:37

    Il Sig. Bergoglio ama i suoi simili: sodomiti, eretici, prostitute, ladri. Li protegge e li porta ad esempio. Una fogna senza fondo!

    RispondiElimina
  6. E allora.perché si è fatta suora, se per lei il sesso è una gioia così indispensabile? Sarebbe interessante approfondirlo...

    RispondiElimina

Posta un commento