Paolo VI autorizzò la Comunione per i Protestanti nel 1967 e Giovanni Paolo II la confermò nel 1983.


Riportiamo, nella nostra traduzione in italiano, un interessante articolo apparso su The Remnant (qui) a proposito della ammissione degli eretici alla Comunione Eucaristica. 



Sia il mondo neo-cattolico che alcuni tradizionalisti questa mattina sono rimasti sconcertati dopo aver letto che i Vescovi tedeschi permetteranno ai coniugi Protestanti dei Cattolici di ricevere la Santa Comunione.

Scrive Edward Pentin, giornalista del National Catholic Register: 

Alla conferenza di primavera di Ingolstadt, la Conferenza Episcopale Tedesca ha deciso che un partner protestante di un Cattolico può ricevere l’Eucaristia dopo aver fatto un «serio esame» di coscienza con un sacerdote o un’altra persona con responsabilità pastorali, «afferma la fede del Chiesa cattolica», desidera porre fine a «gravi difficoltà spirituali» e ha il «desiderio di soddisfare la fame per l’Eucaristia».

Tuttavia, niente di tutto questo dovrebbe rappresentare uno shock per i Cattolici. Come ammettono i Vescovi tedeschi, le loro nuove linee guida si basano semplicemente sul Codice di Diritto Canonico del 1983 promulgato da Papa Giovanni Paolo II. Il Canone 844, § 4 afferma:

«Se vi sia pericolo di morte o qualora, a giudizio del Vescovo diocesano o della Conferenza Episcopale, urgesse altra grave necessità, i ministri cattolici amministrano lecitamente i medesimi sacramenti anche agli altri cristiani che non hanno piena comunione con la Chiesa cattolica, i quali non possano accedere al ministro della propria comunità e li chiedano spontaneamente, purché manifestino, circa questi sacramenti, la fede cattolica e siano ben disposti».

E da dove viene l’idea di questo canone? Fu inventato dal nulla dai teologi modernisti che lavoravano al Codice del 1983? Difficilmente. La Comunione per i non Cattolici è stata inserita nel Codice del 1983 perché questa pratica era già legalmente consentita della Chiesa conciliare almeno dal 1967.

Il Decreto sul’Ecumenismo del 1964, Unitatis Redintegratio, del 1964, afferma quanto segue riguardo al culto comune tra Cattolici e cristiani non Cattolici:

«La necessità di partecipare la grazia talvolta la raccomanda [la «communicatio in sacris», NdR]. Circa il modo concreto di agire, avuto riguardo a tutte le circostanze di tempo, di luogo, di persone, decida prudentemente l'autorità episcopale del luogo, a meno che non sia altrimenti stabilito dalla conferenza episcopale a norma dei propri statuti, o dalla santa Sede» (Decreto sull’Ecumenismo, 8).

Oltre a ciò, lo stesso Vaticano II, nel suo Decreto sulle Chiese Cattoliche di Rito Orientale, Orientalium Ecclesiarum, del 1964, aveva già permesso agli Scismatici d’Oriente di ricevere la Santa Comunione: 

«Agli orientali che in buona fede si trovano separati dalla Chiesa cattolica, si possono conferire, se spontaneamente li chiedano e siano ben disposti, i sacramenti della Penitenza, dell’Eucaristia e dell’Unzione degli infermi» (Decreto sulle Chiese Cattoliche Orientali, n. 27). 

Papa PaoloVI non perse tempo a chiarire ciò che il Vaticano II «intendeva veramente» circa l’amministrazione della Santa Comunione ai Protestanti, quando nel 1967 approvò il documento dal titolo Direttorio per l’Applicazione dei Principi e delle Norme del Secondo Concilio Ecumenico Vaticano sull’Ecumenismo. Il direttorio stabilisce, al capitolo La comunicazione nelle cose sacre con gli altri fratelli separati, al paragrafo 55: 

«Siccome i sacramenti sono tanto segni di unità quanto fonti di grazia, la Chiesa per motivi sufficienti può permettere che ad essi venga ammesso qualche fratello separato. Tale permesso si può concedere in pericolo di morte, o per necessità urgente (durante una persecuzione, in carcere), se il fratello separato non può recarsi da un ministro della sua Chiesa e se spontaneamente richiede i sacramenti a un sacerdote cattolico, purché manifesti una fede conforme a quella della Chiesa circa questi sacramenti ed inoltre sia ben disposto. In altri casi di simile urgente necessità, decida l’Ordinario del luogo o la Conferenza Episcopale» (Direttorio Ecumenico, n. 55).

Paolo VI chiarì il peso autoritativo del suo direttorio in un discorso del 13 Novembre 1968 ai membri del Segretariato per l’Unione dei Cristiani: 

«Nel nostro pensiero, il direttorio ecumenico non è una raccolta di consigli che sarebbe lecito accogliere o ignorare. Esso è una vera istruzione, un esposto della disciplina alla quale devono sottomettersi coloro che vogliono veramente servire l’ecumenismo» (Paolo VI, Discorso al Segretariato per l’unione dei cristiani, 13 Novembre 1968, in L’Osservatore Romano, 14 Novembre 1968).

Il paragrafo 55 del direttorio fu poi precisato in un documento del 1970 del Segretariato per l’Unione dei Cristiani dal titolo Dichiarazione circa la posizione della Chiesa Cattolica sulla celebrazione dell’Eucaristia in comune tra Cristiani di differenti confessioni, Dans ces derniers temps.

Due anni dopo, il paragrafo 55 fu ulteriormente chiarito in un documento del 1972 emanato dal Segretariato per l’Unione dei Cristiani, dal titolo Circa l’ammissione degli altri Cristiani alla Comunione Eucaristica nella Chiesa Cattolica, In Quibus Rerum Circumstantiis. Questa istruzione allargava la precedente ambigua possibilità di amministrare la Santa Comunione ai Protestanti al capitolo Questione VI: Quale autorità decide i casi particolari. Il significato del n. 55 del Direttorio Ecumenico: 

«Il n. 55 del Direttorio autorizza l’autorità episcopale ad avere un discreto potere discrezionale nel giudicare se siano presenti le condizioni necessarie per questi casi eccezionali. Se i casi dello stesso modello si ripetono spesso in una data regione, le Conferenze Episcopali possono dare indicazioni generali. Più spesso, tuttavia, spetta al Vescovo della Diocesi prendere una decisione. Lui solo conoscerà tutte le circostanze di casi particolari. Oltre al pericolo di morte, il Direttorio menziona due esempi, persone in carcere e persone che subiscono persecuzioni, ma poi parla di «altri casi di necessità così urgente». Tali casi non sono limitati a situazioni di sofferenza e pericolo. I cristiani possono trovarsi in gravi necessità spirituali e senza possibilità di ricorrere alla propria comunità. Ad esempio, nel nostro tempo, in cui si hanno spostamenti di popolazione su larga scala, può accadere molto più spesso di prima che i cristiani non Cattolici siano dispersi in regioni cattoliche. Sono spesso privati dell’aiuto della propria comunione e non riescono a mettersi in contatto con essa se non con grossi problemi e spese. Se le condizioni stabilite nel Direttorio sono verificate, possono essere ammesse alla comunione eucaristica, ma spetterà al vescovo esaminare ogni caso». (Instructio In quibus rerum circumstantiis de peculiaribus casibus admittendi alios christianos ad communionem eucharisticam in Ecclesia catholica, 1 Giugno 1972, AAS 64, 518-525).

Un anno dopo, nel 1973, il Segretariato per l’Unione dei Cristiani di Paolo VI emanò un altro documento nel quale si dava un’interpretazione del loro documento del 1972: una trovata alquanto discutibile. Il documento del 1973 si intitolava Nota circa l’ammissione di altri cristiani alla Comunione eucaristica nella Chiesa Cattolica, Dopo la pubblicazione. La nota dichiara: 

«I vescovi possono tuttavia determinare per le varie rispettive situazioni le esigenze in cui si applichino le eccezioni, cioè i casi particolari, e determinare il modo per verificare se tutte le condizioni richieste sono realizzate in un caso particolare. Quando si tratta di casi particolari che si ripresentano con maggiore frequenza in una determinata regione, secondo un modello che si ripete, le Conferenze episcopali possono emanare delle norme per assicurare che in ogni caso particolare si verifichino tutte le condizioni. Normalmente, però, spetterà all’Ordinario del luogo giudicare tali casi» (Nota circa l’ammissione di altri cristiani alla Comunione eucaristica nella Chiesa Cattolica, 17 Ottobre 1973, n. 6). 

Da notare che tutte queste stesse regole e principi sono stati recentemente reiterati nel Direttorio per l’applicazione dei principi e delle norme sull’ecumenismo poromulgato da Giovanni Paolo II nel 1993.

Possiamo quindi constatare che la recente decisione della Conferenza episcopale tedesca di consentire ai coniugi protestanti di ricevere la Santa Comunione (in «alcuni casi», ovviamente) sia in realtà solo uno sviluppo naturale del Vaticano II. Perché è stato il Vaticano II ad introdurre il concetto in linea di principio per i Protestanti ed esplicitamente per gli scismatici orientali. Se un apologista neo-cattolico cerca di sostenere che questa è solo un’altra errata interpretazione del Concilio, abbiamo Paolo VI stesso che ci spiega attraverso il suo Direttorio approvato nel 1967 che questo è precisamente ciò che intendeva il Vaticano II e che stava semplicemente attuando il Concilio nel permettere la Comunione per i Protestanti.

Vediamo anche, sorprendentemente, che la possibilità di dare la Comunione ai Protestanti si allargò anche tra il 1967 e il 1973. Nel 1973 i Vescovi avevano già carta bianca per determinare in quali situazioni la Comunione per i Protestanti era ammissibile a condizione che le presentassero come una sorta di «necessità urgente». Inoltre, laddove questi «casi eccezionali» di comunione protestante erano abbastanza comuni in un’area, le Conferenze Episcopali furono persino autorizzate a stabilire linee guida per la pratica come se questa dovesse diventare un’abitudine. Questo è esattamente ciò che il Cardinale Marx e la Conferenza Episcopale Tedesca stanno facendo con i coniugi Protestanti di fedeli Cattolici.

Speriamo che questo piccolo viaggio nel dimenticatoio aiuti i Cattolici a rendersi conto che le ultime notizie scioccanti provenienti dalla Germania sono state in realtà avviate, sebbene in forma molto meno pubblicizzata, dallo stesso Vaticano II. Si dimostra così ancora una volta che la radice di tutti i nostri attuali problemi nella Chiesa, nonostante ciò che i nostri amici neo-cattolici possono dirci, è ed è sempre stata il Concilio. 

Commenti

  1. In tutto questo e sulla base di ciò che imparai al tempo del mio catechismo preconciliare, mi sento di fare una considerazione molto semplice:
    Se per ricevere la santa Comunione bisogna essere in grazia di Dio e se per essere in.grazia di Dio ci si deve confessare, come fa in protestante ad essere in grazia di Dio se non si è mai confessato?E non solo: se non riconosce la reale presenza di Nostro Signore in corpo, sangue, anima e divinità nella particola che ambisce ricevere, non gli si lascia commettere un sacrilegio terribile? E questo sacrilegio non lo commette ugualmente chi consapevolmente glielo consente? Questi "casi eccezionali" che razza di casi sono? Quelle persone non possono trovare un pastore della loro religione che li conforti? Dispiace per loro, ma mi sembra assurdo ammetterli ai nostri sacramenti senza una sincera conversione da parte loro e una abiura della eresia professata fino a quel momento. È tanto semplice questo ragionamento se uno si mantiene veramente cattolico e non va dietro a contorsioni teologiche e pastorali che fanno venire la nausea e generano scandalo. Esagero e sono di un rigore eccessivo? Non credo. Ma chiedo correzione se sbaglio.

    RispondiElimina
  2. Cosa significa che un eretico, chiedendo di accedere all'Eucarestia, confessa la nostra Fede? Che, "in articulo mortis" o giù di lì, dichiara di voler essere cattolico, di credere fermamente nella transustanziazione e di volersi confessare con un prete?

    RispondiElimina
  3. Purchè valgano le condizioni espresse ("manifesti una fede conforme a quella della Chiesa circa questi sacramenti" ed "inoltre sia ben disposto") mi pare cosa lecita: infatti è esattamente quello che vale per qualunque cattolico. Anche il battesimo in certe confessioni protestanti (e a maggior ragione, Ortodosse) è notoriamente valido.
    All'atto pratico, non capisco come un protestante che voglia rimanere tale possa condividere la fede cattolica circa l'Eucarestia (inclusi presenza reale, validità degli ordini sacri, sacamento della penitenza, eccetera). Il codice di diritto canonico aveva ovviamente senso per quei casi estremi in cui non c'è tempo o modo per un cammino di conversione lento e ponderato. Estenderlo, come vogliono i tedeschi, ad un modo per far sentire inclusi i coniugi è un abuso e un sacrilegio puro e semplice.

    RispondiElimina
  4. Capisco le leggi italiane, frutto della necessita' di una casta di dare un qualche lavoro a figli e nipoti, non capisco norme che parlano di casi particolari mal specificati e lasciano arbitrio, o almeno non le capisco se non considerandole come attacchi graduali e quindi vigliaccamente consapevoli a una dottrina esistente.

    RispondiElimina
  5. E qui mi sorge anche una domanda "da cento milioni di dollari" : come la mettiamo con la canonizzazione (già avvenuta o in procinto di avvenire) di figuri come Roncalli, Wojtyla e Montini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un "papa" light non può che partorire santi light. Ho fatto jackpot?

      Elimina
  6. Il vicario generale della diocesi di Essen disse anni fa a Mons Fellay che l'80% dei sacerdoti diocesani non credevano nella Presenza Reale. Quindi in gran parte il problema non sussiste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da ciò deriva che l'80% delle Consacrazioni sono nulle. Se al sacerdote manca l'intenzione di Consacrare, il pane resta pane e il vino vino. Ergo solo il 20% delle Consacrazioni sono effettivamente valide.

      Elimina
    2. Papa, cardinali, vescovi, semplici sacerdoti, sempre più frequentemente e spudoratamente tacciono la Verità (quella con la V maiuscola)) e diffondono menzogne colossali, fabbricate da loro stessi o ripescate dalla rivoluzione modernista del C.V. II e dei papi conciliari (Roncalli e Montini), se non addirittura della rivoluzione luterana, calvinista, anglicana. Credono ormai di poter fare e dire tutto ciò che vogliono (e che per lungo tempo hanno covato nel loro animo carico di odio), pensando di aver vinto su tutta la linea, e di aver così la possibilità di imporre a tutti le loro folli idee. Ai recalcitranti viene imposto il silenzio, con minacce, intimidazioni, ricatti, specialmente se appartenenti al clero, ma ce n’è anche per i laici, gli intellettuali difensori della Tradizione cattolica bimillenaria, della Chiesa preconciliare, dei suoi papi, dei suoi santi, dei suoi martiri: emarginazione, dileggio, diffamazione, eventuale ricorso al “braccio secolare” con querele per diffamazione.

      Alcuni esempi di menzogne spudorate (pura gnosi, “verbum massonicum”) :
      * tutte le religioni conducono alla salvezza (ecumenismo relativista e sincretista, anticamera dell’ateismo, come insegna S. Pio X) ;
      * gli ebrei sono i nostri fratelli maggiori, ci insegnano a leggere la Bibbia (altro che perfidi ebrei, per di più deicidi);
      * cristiani, ebrei, musulmani, professano tutti la stessa religione (la religione “del libro”, come se Corano, Torah e Santi Evangeli si equivalessero!) hanno tutti lo stesso Dio (negazione della SS.ma Trinità, dell’Incarnazione, Passione, Morte e Risurrezione di NSGC, i due misteri fondamentali del Cristianesimo);
      * anche Noi abbiamo il culto dell’uomo, disse più volte Paolo VI (antropocentrismo anziché cristocentrismo, immanentismo anziché trascendenza, silenzio totale sui Novissimi, cioè morte, giudizio, inferno e Paradiso);
      * tacita rinunzia all’evangelizzazione di tutte le genti (rifiuto di obbedienza a Cristo che, al momento della Sua Ascensione, lasciò tale compito ai Suoi discepoli ed a tutti i loro successori, fino alla fine dei tempi).....


      Elimina
    3. ..... Il progressivo declino, o meglio il degrado, della convivenza civile nella seconda metà de secolo scorso ed in questo scorcio di terzo millennio è sicuramente dovuto all’azione dei progressisti in campo politico e dei modernisti (o meglio neomodernisti) in campo religioso, al loro tradimento del mandato ricevuto dai loro elettori (nel primo caso) e della fiducia che le pecorelle del gregge di Cristo hanno riposto in loro (nel secondo caso).
      Il tradimento dei politici è brutto, dato che carpisce la fiducia e la buona fede di coloro che li hanno votati, che poi passano da destra a sinistra (o viceversa) pur di rimanere in sella ai posti di potere, dando ad intendere di averlo fatto per il bene del Paese.
      Se il tradimento dei politici è grave, gravissimo è quello del clero, dei pastori di anime, e ciò poiché carpiscono la fiducia di chi si affida loro per giungere alla salvezza eterna, mentre invece viene dirottato verso l’abisso infernale, facendogli credere che continuando a comportarsi come già si comporta (cioè a peccare) il Signore lo perdoni “a prescindere” (direbbe Totò) e l’accolga comunque in Paradiso, malgrado l’impenitenza finale. Un clero di tal fatta non solo non lo si può più considerare cattolico, bisogna riconoscere che è passato dal servizio di Cristo al servizio di satana.
      In tal modo si consuma quello che potremmo definire “il tradimento peggiore”, in quanto attuato da chi mai si supporrebbe che potesse tradire il proprio mandato, essendogli questo stato affidato da Cristo stesso.
      Concludendo, vorrei citare la definizione di modernismo, termine con cui si indica, normalmente, la ribellione (dapprima tacita e nascosta, poi sempre più aperta ed arrogante, superba, orgogliosa) del clero contro Cristo e la Sua legge, proposta da un coraggioso esponente della Resistenza Cattolica Antimodernista, il professor Lamendola, :
      “il modernismo è questo: con la scusa di “aggiornare” la Chiesa, di mettere al passo la cultura cattolica con il mondo moderno, con la civiltà moderna e le sue “conquiste” vuole far entrare lo spirito del mondo dentro di esse, e, con il cavallo di Troia della compassione, del dialogo, della misericordia, dei muri da abbattere e dei ponti da gettare, sovvertire in maniera radicale il Magistero, stravolgere il Vangelo e in tal modo vanificare o distruggere i frutti della divina Rivelazione. Ora, se non si deve chiamare satanico tutto questo, non sapremmo davvero a che cosa si dovrebbe rivolgere un tale appellativo… “




      Elimina
    4. > Da ciò deriva che l'80% delle Consacrazioni sono nulle.

      L'ira e' peccato quindi non mi inalbero per questo. Ma da ora in poi al posto dell'euro all'offertorio metto 20 centesimi. Quando ce vo' ce vo' :D

      Elimina
    5. @ Anonimo27 febbraio 2018 12:29
      " Da ciò deriva che l'80% delle Consacrazioni sono nulle. Se al sacerdote manca l'intenzione di Consacrare, il pane resta pane e il vino vino."

      Non è esatto, la consacrazione è valida quando sussistono "Ministro-Materia-Forma"
      Ministro, debitamente ordinato
      Materia, pane e vino
      Forma, Gesti e Parole stabilite dalla Chiesa.
      Il fatto che che il "Ministro" non crede alla reale presenza di Gesù Cristo non invalida la consacrazione, ma rimane colpa personale.

      Elimina
  7. “Ai tempi della Serenissima, un Protestante inglese entrò in una chiesa di Venezia durante la messa. Siccome stava in piedi, un senatore lo invitò a inginocchiarsi; ‘ma io non credo alla transustanziazione’, si giustificò lo straniero; ‘nemmeno io’, replicò l’altro, ‘ma inginocchiatevi come me, oppure uscite’ (riportato da Cesare Marchi nel suo libro “Siamo tutti latinisti”, BUR, 1986).
    Di fronte ad un simile esempio di rispetto e di civiltà del senatore veneziano, come non pensare, vedendo Bergoglio sempre dritto in piedi (quasi a mo’ di sfida) dinanzi al SS.mo Sacramento, mentre tutti gli altri sono in ginocchio, come non pensare, dicevo, che nemmeno lui ci creda? Però lui, a differenza di quel civilissimo e rispettoso senatore della Serenissima, non ha nemmeno la buona creanza di inginocchiarsi anche se non ci crede (cosa impensabile per un pontefice, se legittimo). Ma forse vuole sfidare Cristo Eucaristia, rassicurando luterani, anglicani & C. della sua perfetta fede protestante. Come non concludere in tal senso, avendo anche appreso dell’esistenza della commissione segreta, da lui istituita, per cambiare le parole della Consacrazione, così da renderla invalida, in modo da rendere possibile la partecipazione dei protestanti alla Santa Messa, a quel punto divenuta veramente una commemorazione comunitaria, una cena luterana pura e semplice, senza più niente di cattolico (del resto, già Montini ci aveva provato, nella prima stesura del N.O.M., ad abolire la Presenza Reale, ma le proteste suscitate nel clero ancora cattolico lo avevano indotto a più miti consigli, dando vita ad un ibrido rito catttoprotestante). Se non è un piano diabolico, questo, come altrimenti definirlo?

    RispondiElimina

Posta un commento