L’ESORCISMO DI LEONE XIII e il «nihil obstat» del Card. Ratzinger

By Cesare Baronio - domenica, aprile 19, 2020


Negli scorsi giorni (qui), dopo aver esecrato l’ardire di recitare privatamente l’Esorcismo di Leone XIII a seguito dell’invito di S.E. Mons. Viganò (qui), il sodalizio internazionale degli esorcisti ha integrato l’infelice comunicato con un secondo ancor più piccato (qui).

Vien da pensare alla reazione di una casta che, sentendosi usurpata nelle sue inalienabili prerogative, insorge sdegnata perché sia tutelato il monopolio degli esorcismi, che peraltro amministra con somma parsimonia.

Orbene, ai reverendi esorcisti del pio sodalizio il sito Cooperatores Veritatis (qui) sottopone una lettera con cui Joseph Clemens, segretario particolare dell’allora Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede Joseph Ratzinger, risponde ad un fedele con tutt’altro responso: «Per incarico di Sua Eminenza il Card. Ratzinger ho il gradito compito di comunicarle che nulla osta da parte del Magistero della Chiesa affinché i fedeli recitino privatamente l’Esorcismo di Leone XIII a proprio beneficio spirituale».

Senza nulla togliere alle buone e premurose intenzioni dell’Associazione Internazionale degli Esorcisti - tanto solleciti nel dissuadere i laici e gli stessi sacerdoti dallo scacciare il Maligno nel giorno del Sabato Santo - mi permetto di suggerir loro, con spirito di fraterna carità, di esorcizzare con tutti i permessi e i crismi canonici quegli Ecclesiastici che, durante il Sinodo dell’Amazzonia, hanno fatto in modo che fosse reso culto idolatrico al simulacro infernale della pachamama. Forse sentiremo confessare, per bocca degli stessi spiriti infernali, quanto essi abbiano apprezzato la profanazione della Basilica Vaticana e le prostrazioni di chierici, frati e suore al cospetto dell’idolo immondo e, poco distante, dell’Augusto Pontefice silente.

Et de hoc satis.

  • Share:

You Might Also Like

3 commenti

  1. Da un prete critico con le gerarchie massoniche al potere nella Chiesa Cattolica e nel Governo, ma moderato e finora rispettoso dell’autorità, civile e religiosa, che fino a pochi giorni fa invitava a pregare in silenzio, senza proteste pubbliche:
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV3504_Elia_Ritorno_degli_idoli.html

    “…..si assiste a un accanimento intransigente contro le persone che escono, mentre zingari e immigrati son lasciati liberi di andare indisturbati dove vogliono…non è una manifestazione di razzismo, ma un esercizio di rigore intellettuale, quello di cui si dimostra privo chi, al contrario, discrimina e criminalizza, paradossalmente, i propri stessi concittadini.
    A quanto pare, le nostre autorità – civili o ecclesiastiche che siano – odiano coloro per il servizio dei quali esistono… a meno che non stiano pedissequamente eseguendo degli ordini.
    E’ sempre più difficile reprimere tale sospetto. .
    I nuovi vaccini – pare – contengono sostanze che indeboliscono le difese immunitarie e perfino dispositivi di nanotecnologia che rendano gli uomini fisicamente tracciabili grazie alla velocissima rete 5G, anch’essa molto nociva alla salute: senza eufemismi, una vera e propria arma di sterminio. L’arresto delle attività produttive, guarda caso, non ha affatto interessato la posa della fibra ottica, che invece è proseguita a ritmi serrati, anche con l’impiego di manovalanza chiamata da altre regioni. Il motivo è semplicissimo: senza di essa l’Internet di quinta generazione (sistema integrato di trasmissione con cavi e antenne) non può funzionare, poiché intaserebbe la fibra finora utilizzata. Cominciano a tornare i conti…
    L’emergenza sanitaria è dunque molto vantaggiosa per chi vuole imporre la vaccinazione forzata e mascherare segrete manovre… L’obiettivo è un mondo in cui siano tutti connessi… cioè tutti controllati e manipolati – per la nostra salute e sicurezza, s’intende – con la tecnologia digitale: è il cosiddetto Internet delle cose, che mira a collegare computer, cellulari, elettrodomestici, automobili, tessere sanitarie, conti bancari… Non è un romanzo distopico né un film di fantascienza, bensì la realtà verso la quale ci stanno portando.
    Il neonato sistema totalitario ha pure il proprio instrumentum regni, cioè la nuova religione unica, sincretica e panteistica, che deve asservire gli uomini anche spiritualmente. Il quotidiano della C.E.I. (Avvenire) è giunto in questi giorni a titolare: “È il momento di gettare le basi per un nuovo ordine mondiale”.
    Caspita, si son finalmente tolti la maschera: a cominciare dal loro capo, son tutti agenti del regime.”

    Pubblicità progresso:
    https://openfiber.it/tecnologie/5g/5g/

    RispondiElimina
  2. Arriverà la Purificazione, inaspettata proprio da coloro che sono depositari della autentica Profezia

    RispondiElimina

I commenti sono oggetto di moderazione da parte del proprietario del blog. Contenuti offensivi, volgari o non pertinenti non saranno pubblicati.